Il Ministero

Quale animatore della ministerialità della Chiesa, il diacono non è la copia ridotta o il sostituto parziale del presbitero, ma il suscitatore e coordinatore di fi gure ministeriali rispondenti alle diverse situazioni della comunità ecclesiale e del mondo.
La comune partecipazione al sacramento dell’Ordine instaura una speciale relazione tra diaconi e presbiteri, che valorizza e integra i due specifici e originali ministeri. L’autonomia dei ruoli deve tendere alla più stretta cooperazione nel comune servizio al popolo di Dio e nell’unico riferimento al Vescovo.
Il Concilio Vaticano II ha sintetizzato il ministero del diacono con la triade “diaconía della liturgia, della Parola e della carità”.
2.1. Diaconato e liturgia
È essenziale che il diacono conosca il suo ufficio nella liturgia ed abbia la conoscenza delle rubriche, con la flessibilità per poterle correttamente applicare nei diversi contesti assembleari. Il diacono è responsabile di un buon servizio di fronte
alla Chiesa di Cristo, presente nell’assemblea del culto, facendo tutto e solo quel che gli spetta. All’ambone proclamerà al popolo il Vangelo e come portavoce delle preghiere e delle necessità dei fedeli, pronuncerà le formule proprie del suo uffi cio, abitualmente le preghiere dei fedeli dopo il Credo, se particolari occasioni non suggeriscono che altri subentrino al suo posto. Il ministero liturgico del diacono, fonte inesauribile di spiritualità per la propria esistenza, si esprime in molteplici funzioni. Nella celebrazione dell’Eucaristia il diacono assiste il Vescovo e i presbiteri che la presiedono. In quanto ministro ordinario della Comunione distribuisce l’Eucaristia ai fedeli durante la celebrazione e la porta agli infermi, anche nella forma di viatico. Egli è pure ministro ordinario dell’esposizione eucaristica per l’adorazione e della conseguente benedizione. Il diacono è ministro ordinario del battesimo, ma per battezzare deve avere il consenso del parroco. Con la delega del parroco o dell’Ordinario del luogo, può presiedere la celebrazione del matrimonio e impartire la benedizione nuziale in nome della Chiesa48. Gli compete infi ne presiedere le esequie celebrate senza la Messa e impartire le benedizioni espressamente consentite dai libri liturgici.
Il diacono è tenuto all’obbligo della celebrazione quotidiana delle Lodi mattutine, dei Vespri e della Compieta, gli è raccomandata quella delle Letture e di un’Ora media. Così pure, se non si frappongono serie difficoltà, partecipi quotidianamente alla celebrazione dell’Eucaristia.
2.2. Diaconato e catechesi
Nell’ambito della triplice diaconia è sostanziale per il diacono il compito di “proclamare il Vangelo e predicare la Parola di Dio” in particolare nella catechesi e, in modo specifico, nell’omelia all’interno delle celebrazioni liturgiche.
Nel rito di Ordinazione, una volta rivestito con la stola e la dalmatica, riceve dalle mani del Vescovo il santo Vangelo con queste parole: “Ricevi il Vangelo di Cristo del quale sei divenuto l’annunziatore; credi sempre ciò che proclami, insegna ciò che hai appreso nella fede, vivi ciò che insegni”. La sua vicinanza al mondo laicale impegna particolarmente il diacono all’annuncio e alla testimonianza nelle realtà della famiglia, del lavoro, della vita sociale. Il servizio della Parola, alla quale il diacono stesso è chiamato ad alimentarsi quotidianamente, richiede in modo esigente la piena adesione all’insegnamento della Chiesa e un costante impegno di studio e di approfondimento specialmente in ambito biblico.
In particolare il diacono è un ministro qualificato per la preparazione dei candidati ai sacramenti, dei genitori e dei padrini per il battesimo e la cresima, come anche per la pastorale familiare e la formazione dei fi danzati e delle giovani coppie. In questi compiti il diacono coniugato può opportunamente coinvolgere la moglie. Può inoltre presiedere la celebrazione della Parola di Dio, anche quando è sostitutiva della Messa festiva in caso di necessità.
2.3. Diaconato e carità
“Praticare l’amore verso le vedove e gli orfani, verso i carcerati, i malati e i bisognosi di ogni genere appartiene all’essenza della Chiesa tanto quanto il servizio dei Sacramenti e l’annuncio del Vangelo. La Chiesa non può trascurare il servizio della carità così come non può tralasciare i Sacramenti e la Parola”. “Dio è amore” (1Gv 4,16) e l’amore si trova al centro della vita cristiana: ubi caritas est vera, Deus ibi est: “dove c’è vera carità, lì c’è Dio”.
Come ministro della carità, ovvero ministro di Dio, il diacono è tenuto a mantenere costantemente viva nella Chiesa questa dimensione essenziale dell’esperienza cristiana e sua sintesi, rendendo visibile il legame che sussiste tra la mensa del Corpo di Cristo e la mensa dei poveri, dei deboli, degli emarginati, degli anziani, dei malati. La carità non si esaurisce nell’azione. In At 6,1-6 il primo ministero ad essere considerato per i sette diaconi è la carità, ma diventa presto Vangelo annunciato nel discorso di Stefano, vita da lui donata fi no al martirio ed infi ne missione in Filippo. Infatti il gruppo dei Sette “non doveva svolgere un servizio semplicemente pratico di distribuzione: dovevano essere anzitutto uomini pieni di Spirito e di saggezza (cfr. At 6, 1-6). Ciò signifi ca che il servizio sociale che dovevano effettuare era assolutamente concreto, ma al contempo era senz’altro anche un servizio spirituale; il loro perciò era un vero uffi cio spirituale, che realizzava un compito essenziale della Chiesa, quello dell’amore ben ordinato del prossimo”.
La carità che si traduce in servizio è parte integrante dell’identità dei diaconi; nella preghiera di Ordinazione il Vescovo chiede per loro a Dio Padre: “siano sinceri nella carità, premurosi verso i poveri e i deboli, umili nel loro servizio”. Con l’esempio e
la parola si devono adoperare perché tutti i fedeli si pongano in costante servizio di Dio, della Chiesa e dei fratelli. Il diacono serve la carità con il proprio essere, prima ancora che con il fare, con un servizio che inizia nella famiglia e nella professione, permea poi la realtà sociale, evangelizzando anche attraverso gli atteggiamenti e lo stile di vita. Il diacono, quindi, può vivere la carità nell’area dell’educazione cristiana, animare oratori e gruppi ecclesiali, promuovere la vita in ogni sua fase e condizione, amministrare i beni e le opere di carità della Chiesa (compito che pure fa parte dello specifico del ministero diaconale). In queste esemplifi cazioni, giova ricordare anche il servizio ai carcerati, agli anziani soli o residenti nelle case di riposo, ai migranti, ai disabili, ai sacerdoti anziani o soli.
È chiamato a leggere la realtà del territorio, suscitando poi risposte dalla realtà ecclesiale o anche stimolando la Chiesa a percorrere strade nuove, secondo una fantasia della carità, nella docilità alle proposte dello Spirito Santo; nella Chiesa
infatti “pulsa la dinamica dell’amore suscitato dallo Spirito di Cristo”.
Infi ne, per non esaurirsi nella semplice esecuzione personale, il ministero del diacono sarà rivolto di preferenza a compiti di animazione e di coordinamento all’interno delle molteplici attività caritative e di promozione umana della Diocesi.
2.4. Mandato del Vescovo
Il Vescovo, a cui il diacono nel rito di Ordinazione ha promesso “fi liale rispetto e obbedienza”, gli conferisce mediante decreto uno specifico ufficio, tenendo conto delle necessità della Diocesi e anche della condizione familiare e professionale del
diacono stesso. Venga così defi nito l’ambito territoriale o le persone alle quali deve essere indirizzato il suo servizio apostolico, come pure se l’uffi cio debba essere a tempo pieno o parziale. L’incarico affi dato può concretizzarsi anche nella collaborazione per la cura pastorale di una parrocchia, come può impegnare il diacono anche nelle comunità parrocchiali prive di un  presbitero residente. Al diacono possono essere affi dati impegni pastorali nelle strutture diocesane, come negli uffici di curia, negli organismi, nelle commissioni o consulte diocesane, nelle zone o nelle unità pastorali, o per l’animazione pastorale di fasce di età, di ambienti, di settori.

(DIOCESI DI BRESCIA, Progetto formativo per il diaconato e Direttorio per il ministero e la vita dei diaconi, Brescia 2007, pagg. 28-32)


E’ ufficio del diacono: Amministrare solennemente il battesimo, conservare e istribuire l’Eucarestia, in nome della Chiesa assistere e benedire il matrimonio, portare il viatico ai moribondi, leggere la Sacra Scrittura ai fedeli, istruire ed esortare il popolo, presiedere al culto e alla preghiera dei fedeli, amministrare i sacramentali, presidere al rito funebre e della sepoltura (Lumen Gentium 29).

I diaconi esercitano normalmente un proprio lavoro nella società civile, possono essere celibi o sposati.